libreria

Locke Lamora e i Bastardi Galantuomini

“I say again, impossible.”
“And I correct you again. Difficult. ‘Difficult’ and ‘impossible’ are cousins often mistaken for one another, with very little in common”

Red Seas Under Red Skies

“Ripeto, impossibile”.
“E io ti correggo di nuovo. Difficile. ‘Difficile’ e ‘impossibile’ sono cugini spesso scambiati l’uno per l’altro, con molto poco in comune”

I Pirati dell’Oceano Rosso

Questo è un post di servizio. Nel senso che io vi parlo di Locke Lamora e voi farete qualcosa per me/noi. Ma ne riparliamo dopo.

inganni

Locke Lamora è rimasto orfano in seguito ad una epidemia che ha ucciso i suoi genitori e viene acquistato dal Forgialadri. Quest’ultimo è una figura che nei bassifondi di Camorr addestra ladruncoli e li sguinzaglia nei distretti a rubacchiare al popolino. Ben presto però il Forgialadri si accorge che Lamora è diverso, oltre a essere molto intelligente è anche un istrione nato, ama la teatralità ed è testardo… moltissimo. Astuto, cocciuto, intelligente e terribilmente teatrale, purtroppo queste qualità non vanno bene… sopratutto l’ultima. Perchè gli occhi delle guardie non si devono posare sul Forgialadri o non lo lascerebbero più in pace. In genere i ragazzini così spariscono senza lasciare traccia ma non si può perdere completamente l’investimento, si deve cercare un ultimo piccolo profitto.. Lamora viene così venduto dal Forgialadri a padre Catena. Catena è un monaco che usa il tempio come base per la sua organizzazione e che addestra i suoi ragazzi ai precetti del Disonesto Tutore, il Dio dei ladri. I suoi Bastardi Galantuomini sono ladri, ma non rubano al popolo, rubano in grande, rubano ai nobili. E lo fanno in maniera da non infrangere la Pace Segreta, cioè il patto stretto tra la nobiltà e le organizzazioni criminali.. Scott Lynch porta avanti la narrazione intervallando  presente e passato con dei flash back nei quali racconta dell’infanzia di Locke e degli altri Bastardi. Facciamo così la conoscenza di Jean Tannen il combattente, la spalla ideale del gracile Locke. Incontriamo i gemelli Calo e Galdo Sanza,  il giovane Cimice e Sabetha, di cui Locke è innamorato e che non appare mai nel primo e nel secondo romanzo. Ne “Gli inganni di Locke Lamora” i nostri protagonisti stanno portando avanti uno dei più grandi raggiri nella storia di Camorr ai danni della nobile famiglia Salvara ma alla partita si aggiungono nuovi e inaspettati giocatori: fa la sua comparsa il Re Grigio che pian piano prende il possesso della malavita di Camorr, servendosi di un mago dell’Alleanza e costringendo lo stesso Locke ai propri ordini. piratiInvece ne “I Pirati dell’Oceano Rosso”, Locke e Jean si trovano a Tal Verrar dove stanno lavorando ad un grosso furto ai danni della più grande casa da gioco del continente: Peccapicco. Stavolta sulla loro strada troveremo il signore di Peccapicco, i maghi dell’Alleanza e l’arconte di Tal Verrar, Maximilian Stragos… insomma non si può dire di più altrimenti roviniamo tutte le sorprese.

Perchè procurarveli e leggerli? Perchè i Bastardi Galantuomini sono assolutamente da conoscere nel panorama fantasy, Scott Lynch tratteggia un grande affresco di Camorr nel primo libro, descrivendo in maniera fantastica la città e i suoi abitanti, i quartieri e le caste. Inoltre non è scontato ed ha la capacità di portare avanti le cose in un crescendo di avventure, sfighe e casini che raramente sfocia nel già letto. O meglio, alcuni stereotipi sono presenti anche nei suoi libri (il “party”, la crescita dei personaggi assieme fin da piccoli, l’amicizia che ne deriva e il furto come arte e seguendo precise regole), ma qui sono sviluppati in maniera originale e se siete amanti di questi stereotipi allora DOVETE leggere Lynch. Non è un fantasy alla Harry Potter e anche se non raggiunge le vette di Martin in quanto a dialoghi pepati e spargimenti di sangue, direi che non siamo troppo lontani da quest’ultimo. “Gli inganni di Locke Lamora” parte pian piano, forse addirittura rimane sottotraccia per le prime decine di pagine, poi ingrana in maniera poderosa e non lo mollerete fino alla fine. Tutta la parte iniziale del libro serve all’autore per far capire bene il background di Locke e dei Bastardi; senza il lungo flash back iniziale, la narrazione che si alterna tra passato e presente non funzionerebbe così bene lungo lo svilupparsi del romanzo. Si tratta di una sincronizzazione necessaria. Ne “I Pirati dell’Oceano Rosso” ritroviamo la stessa alchimia del primo romanzo e nel momento in cui si comincia a sentire un certo senso di deja vu… Lynch vira. Si, vira.. a babordo o a tribordo (tanto per rimanere in tema) e da’ una sterzata bella forte, issa le vele che si gonfiano al vento e anche qui gli eventi cominciano a svilupparsi più velocemente. La trama si arricchisce di personaggi e situazioni, alcuni flash back sono presenti anche in questo romanzo e servono a conoscere cosa hanno fatto i Bastardi tra la conclusione del primo e il secondo libro.

Per procurarveli dovrete cercare e anche avere un bel colpo di culo: il primo è del 2006, il secondo del  2008. E la Editrice Nord che detiene i diritti, ha deciso che le vendite sono state insoddisfacenti… per cui non li ristampa. Ovviamente non ha tradotto e stampato nemmeno il terzo volume della serie, “The Repubblic og Thieves” che è uscito da poco. Quindi, leggeteli e poi scassate anche voi le palle a ‘sti editori.. Nel 2006 furono i geni del marketing della Editrice Nord a contribuire ad affossare le vendite con una edizione costosissima di un autore allora sconosciuto e alla prima pubblicazione. Tuttavia Lynch nel mondo vende e vende anche bene. A proposito, pare stiano scrivendo la sceneggiatura di un film sui Bastardi Galantuomini.. Non vorrete mica perdervi  la possibilità di rispondere ai vostri amici: -Ma io Scott Lynch lo conoscevo già, sono un suo fan da BEN PRIMA del film.

Editrice Nord

-TWITTER https://twitter.com/editricenord

-FACEBOOK https://www.facebook.com/CasaEditriceNord

C’è anche una petizione da firmare, e il link è questo:

petizio

Grazie alla Leggivendola

Vi chiedo di condividere e se leggerete i libri e vi piaceranno, firmate la petizione, scrivete a Ed. Nord su facebook e Twitter, chiedete la ristampa e la pubblicazione del terzo libro. Dai su.

POST SCRIPTUM: se non riuscite a trovarli ma avete un book reader scrivetemi. Magari posso fare qualcosa per voi… se firmate PRIMA la petizione.  🙂

Scritto da loris

loris

#veneto per nascita, #campano per matrimonio, #ingegnere per formazione.
Bastiancontrario e ultra polemico, supereroe dentro. Però con un gran cuore (biancorosso). Qui scrivo di ogni menata che mi passa per la (de)mente